Festa della Mamma: scopri la promo dedicata!Consegna in 24/48 h lavorativeSpedizione gratuita a partire da 25€
Consegna in 24/48 h lavorativeSpedizione gratuita a partire da 25€
Spedizione gratuita a partire da 25€ – Consegna in 24/48 h lavorative

Come rigenerare la pelle dopo l’esposizione al sole per mantenere l’abbronzatura più a lungo

I passaggi di una skincare essenziale efficace:
 

> Detergere

> Esfoliare

> Idratare

> Nutrire
 
 


 

La pelle durante tutto l’anno, non solo d’estate, è costantemente esposta a raggi UV, che provocano danni alle fibre elastiche, in particolare al collagene e all’elastina, fondamentali per la compattezza e il tono della pelle. Con qualche accorgimento, possiamo preservare la sua luminosità e bellezza, godendoci in tutta sicurezza il sole e il meraviglioso colorito che ci regala.

Regola aurea rimane l’applicazione di un adeguato fattore di protezione. Sempre, anche in inverno.
Ci aiuta a prevenire e ridurre la formazione di macchie e gli effetti del fotoinvecchiamento. I raggi solari infatti non vanno mai in vacanza!

La pelle abbronzata: gli step fondamentali per trattarla al meglio

Come proteggere, nutrire, idratare la pelle dopo l’esposizione al sole e mantenere il colore ambrato il più a lungo possibile? Ecco la skincare essenziale efficace.

Detergere

La fase di detersione si sottovaluta erroneamente. La scelta del detergente è davvero importante: deve essere delicato e con proprietà lenitive. Per questo è bene scegliere prodotti che contengano anche sostanze idratanti ed emollienti, capaci di prevenire la disidratazione rendendo la pelle più morbida al tatto. Anche la scelta di un olio detergente è una valida alternativa.
Le formulazioni con effetto rinfrescante in genere sono quelle a base di agrumi (limone, arancio, pompelmo) o di menta. Se siamo in cerca di un effetto lenitivo, optiamo per prodotti a base di camomilla, calendula o aloe vera.

 
BONUS TIP.
La doccia è un momento piacevole ma non deve mai essere prolungata o troppo calda: meglio tiepida. Esagerare con la temperatura secca e stressa la pelle accelerando il processo di desquamazione, mentre alternare getti freddi a getti più caldi sul resto del corpo, soprattutto le gambe, ha un effetto tonificante.
La fase di detersione non dovrebbe avvenire sotto l’acqua corrente, soprattutto per quello che riguarda il viso, perché rischia di accentuare l’effetto di desquamazione.

Esfoliare

Innanzitutto tranquillizziamoci: lo scrub non porta via l’abbronzatura.
Anzi, l’esfoliazione giova all’abbronzatura perché oltre a permettere alla pelle di mantenersi in un buono stato di salute, luminosa e morbida, elimina lo strato ispessito, che si è creata per proteggersi. Le permettiamo così di esporsi nelle sue condizioni migliori e assumere un colore più intenso. L’importante è che sia un trattamento delicato.

 
BONUS TIP.
Se la pelle è sensibile o arrossata è meglio evitare lo scrub e preferire un gommage cui fare seguire un prodotto lenitivo che può essere a base di calendula, allantonina, pantenolo, bisabololo, aloe o malva.

Idratare

Idratare, lenire e nutrire. La pelle non beve ma può essere aiutata a trattenere la giusta quantità di acqua: è fondamentale per sostenere il suo processo di idratazione. Tra gli ingredienti lenitivi e idratantici sono l’acido ialuronico, il gel di aloe, l’urea, sorbitolo, glicerina, il bisabololo, l’allantoina, il pantenolo.

 
BONUS TIP.
Se possibile evitare prodotti con profumi marcati: la pelle è molto sensibile e le reazioni sono sempre dietro l’angolo.

Nutrire

Sono consigliate formulazioni ricche di vitamine (A, C, E) di antiossidanti e polifenoli come il resveratrolo. Molto importante la presenza di acido ialuronico, di ingredienti botox like e di precursori della vitamina A come il retinolo.

Anche l’attività di riparazione del film lipidico è fondamentale e qui entrano in gioco l’olio e il burro vegetale nelle loro diverse formulazioni. Tra i più preziosi ed efficaci, di origine vegetale, possiamo elencare quelli di:

  • vinaccioli
  • mandorle dolci
  • argan
  • avocado
  • karité

 
BONUS TIP.

Spesso dentro ai prodotti per la cura della pelle si trovano altri tipi di oli che svolgono funzioni differenti, più specifiche. E l’esempio dell’oleolito di carota, chiamato anche abbronzante naturale perché è una fonte di betacarotene, molto ricco anche di antiossidanti e vitamina A.
Anche quello di mallo di noci si è guadagnato una certa popolarità grazie al fatto che contiene lo juglone, una sostanza che scurisce e risalta la tonalità della pelle.

Scopri i prodotti della nuova skincare Sirio

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.

Ricevi subito lo sconto del 10%

Iscriviti alla newsletter Sirio.